Dr.ssa Tiziana La Rocca

“TISANA FREDDA DI ROSA CANINA ALLE VISCIOLE”

Un must di questo periodo per coloro che non vogliono rinunciare a qualcosa di sfizioso ma… desiderano rimanere sempre in ottima forma e salute!


Ringraziamo la carissima Isabella Vendrame per la sua ricetta estiva!
Una tisana fredda, idratante e vitaminica, ottima per contrastare la calura estiva.
Le temperature segnano rosso in questi giorni in molte città e il ministero della salute annuncia che si tratta della prima vera ondata di calore di elevata intensità, summer 2019.
Con l’arrivo dell’estate è importante bere molto e assumere cibi freschi, ricchi di vitamine e sali minerali, che aiutano a contrastare stanchezza e spossatezza che la calura estiva può provocare.
E’ importante bere perché il calore e la sudorazione contribuiscono ad aggravare la disidratazione, quindi la raccomandazione è una buona idratazione quotidiana, anche in assenza dello stimolo della sete, alla base della prevenzione e della salute per lo svolgimento quotidiano delle funzioni fisiologiche dell’organismo.

Ricetta

Fate bollire circa mezzo litro di acqua, mettete in infusione una o due bustine di tisana di rosa canina bio, fate raffreddare, aggiungete 3 fette di limone bio e una decina di visciole denocciolate.
Completate l’infusione in frigorifero per almeno 6 ore in modo che la frutta rilasci aroma e nutrienti.

Consiglio

Consumare entro 2 giorni!

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in RICETTE

LE PROPRIETA’ DELLE VISCIOLE

Tiziana La Rocca

Le visciole maturano negli angoli selvaggi delle nostre campagne, sono molto simili per aspetto alle ciliegie ma si caratterizzano per il loro sapore dolce con retrogusto acidulo e leggermente aspro.

Le visciole hanno diverse proprietà benefiche

Contengono sostanze antiossidanti quali: la melatonina responsabile della regolazione dei ciclo sonno/veglia, sostanze antiinfiammatorie quali gli antociani, sostanze regolatrici del colesterolo come la quercetina.

Sono inoltre presenti in buona quantità il beta-carotene, la pectina fibra solubile, la vitamina C.

Da consumare direttamente raccogliendo i frutti dagli alberi oppure come ottimi ingredienti in cucina.

Curiosità

Botanicamente parlando appartegono alla famiglia delle Rosacee; genere Prunus; nome scientifico Prunus cerasus.

Consiglio

Come conservare il frutto per l’inverno e trarre tutti i benefici della vitamina C:  l’idea è di togliere il nocciolo e congelare il frutto per poi mangiarlo nel periodo invernale. Altra idea è la preparazione di confetture a base di visciole per poter fare buonissime crostate.

Ricordare

Le visciole sono anche un valido aiuto per tenere sotto controllo il peso corporeo grazie al loro scarso apporto calorico e all’elevato potere saziante.

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in ARTICOLI

Tiziana La Rocca Progetto Educare

Tiziana La Rocca

Il paradigma fondante dell’essere umano è l’unione psiche/corpo quindi considerando l’individuo in tutta la sua interezza per realizzare il successo in qualsiasi ambito della propria vita è necessario lavorare su ambedue.
Il progetto #EduCare enfatizza questo connubio psiche/corpo, vuole essere una proposta di educazione continuativa per le scuole e non una nuova materia, una proposta che ha l’obiettivo di promuovere nei bambini e nei ragazzi la cultura del sapere coinvolgendoli a trovare possibili soluzioni e scelte responsabili.

Tiziana La Rocca – Mercoledì 22 maggio 2019 ore 17,00 Camera dei Deputati Sala del Cenacolo

Tiziana La Rocca
Medico Chirurgo Omeopata Omotossicologo.
Esperto in Dietologia della MTC Metodo TCM-CAO/CAD e Bionutrizione.
Medico associato AMIOT e Docente Progetto Natura che Cura.

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in GALLERIA

IL MESSAGGIO DI ATUCA’, Ambasciatore Indio di amore e di pace.

Testimonianza commovente, raccontata da Atucà figlio del vento Indio di etnia Guaranì, della strage che si perpetra in Amazzonia: deforestazione e genocidio.
A cura della Dott.ssa Tiziana La Rocca

Foto di Tiziana La Rocca – Atucà e Tiziana La Rocca

Lo scorso 16 maggio 2019 presso l’I.C. Nando Martellini di Roma si è svolto l’evento di Educazione Interculturale, la Scuola Giramondo. In questo ambito ha avuto luogo l’iniziativa di sensibilizzazione del progetto “Conoscere l’Amazzonia” ideato da Jorghe Ricardo Olegui Atucà, Indio di etnia Guaranì testimone del genocidio del suo popolo, con lo scopo di generare consapevolezza delle risorse della natura, di far conoscere la situazione attuale della deforestazione in Amazzonia (polmone del mondo), di scoprire il valore della Cultura Indigena e il rapporto Natura/Uomo – Uomo/Cibo.
I ringraziamenti vanno a tutti coloro che hanno consentito lo svolgimento dell’evento:

  • ATUCA’, per la testimonianza.
  • La GUNA, per avermi invitata.
  • La SCUOLA Nando Martellini, per la disponibilità.

Foto di Tiziana La Rocca – Docente scolastica, Atucà e Tiziana La Rocca

Con immenso piacere ed emozione ho introdotto l’intervento di Atucà.
E’ stata un’esperienza unica e ricca di contenuti che ha visto l’incontro di due culture differenti ma aventi in comune la salute e l’ambiente: Atucà la cultura Indio e Tiziana La Rocca la cultura Italiana.
Atucà ha portato la sua testimonianza raccontando in modo coinvolgente lo scempio che continua a consumarsi nella Terra dove è nato: l’Amazzonia.
Quando ha raccontato delle crudeltà che lui ed il suo popolo hanno subito e subiscono si sono raggiunti momenti di altissima emozione che hanno toccato i cuori di tutti i presenti: alunni, docenti e tutti noi ….Alberi di diametro superiore ai sei metri distrutti con la dinamite con il risultato di una profonda alterazione dell’equilibrio che genera un caos mortale per tutte le specie sopravissute. Ai pochi indios scampati indenni all’esplosione li aspetta un destino molto più atroce. Essi per sopravvivere al caos devono allontanarsi da esso, talvolta questa esigenza vitale vuol dire morire, perché quel caos generato dall’esplosione della dinamite è causa di continue insidie: migliaia di ragni ed insetti velenosi, piante velenose, serpenti, puma, tigri, jaguari e tanti altri pericoli tutti accomunati da un equilibrio interrotto che genera morte. Anche il terreno è insidioso a causa dell’esplosione che produce buche fangose e profonde dove, nella fuga per la sopravvivenza, molti Indios vi muoiono per annegamento.
Questo è il triste e crudele scenario di stragi silenziose che da decenni si consumano in Amazzonia.
Atucà con il cuore in gola racconta con l’ausilio di strumenti ed utensili Indio tutto ciò, riproducendo i suoni della natura e catturando l’attenzione commossa di tutti.

Foto di Tiziana La Rocca – Atucà

Il racconto si fà sempre più emozionante e coinvolgente per il crudele vissuto che narra, si intravedono nei suoi occhi alcune lacrime e la voce gli si affievolisce per il dolore e la fatica ad emetterla. Dal suo dolorosissimo addio alla sua terra nasce la nobile iniziativa di Atucà che esegue con alto spirito e profonda dedizione.
Atucà è l’ambasciatore dell’Amazzonia che non è un continente ma un vastissimo territorio vitale per l’esistenza dell’essere umano, il messaggio che porta è di amore, pace e riconoscenza verso la natura. Un messaggio che non conosce la parola rancore nonostante le atrocità subite.
Il modello di vita che Atucà trasmette è sintetizzabile nella regola delle 3R (Progetto Educare: Referente Tiziana la Rocca) che grazie alla sua cultura e stile di vita applica in pieno:

  1. Rispetto di se stessi, Atucà ha 73 anni ma grazie al suo stile di vita ha il fisico di un quarant’enne.
  2. Rispetto verso gli altri, Atucà diffonde il messaggio di pace e amore non conoscendo il rancore.
  3. Rispetto dell’ambiente, Atucà e con lui gli Indios, secondo la loro cultura, sono la natura ovvero sono parte integrante della natura, quindi l’assolvimento delle prime due regole implica l’assolvimento della terza.

L’Amazzonia riveste un ruolo vitale per il nostro ecosistema tant’è che è definita polmone del mondo e come tale va preservata in toto ovvero in tutte le sue componenti: flora, fauna e Indios.

Foto di Tiziana La Rocca – La Mascotte

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in GALLERIA

Natura che cura: il medico racconta febbraio – 2019

Tiziana La Rocca

Lunedì 18 febbraio mi aspettavano 140 bambini della Scuola Primaria ISTITUTO DON BALDO – Roma per una lezione di Educazione alla Salute “Natura che Cura: il medico racconta”… una riflessione sui metodi di cura naturali, prevenzione e qualità della vita.

Alcuni disegni e riflessioni create dai bambini sui temi sviluppati

Il mio costante impegno come medico e come docente AMIOT, del Progetto Scolastico Nazionale Gratuito di Educazione Digitale per le scuole primarie e secondarie di primo grado, mi porta ad affrontare tematiche relative alla prevenzione naturale e alla conduzione di stili di vita salutari.
Il punto di forza del progetto di Educazione digitale Natura che Cura è la sinergia tra il medico docente, i bambini, i ragazzi, i genitori e le istituzioni scolastiche, questa sinergia rappresenta la strada per una alleanza tra i suddetti in grado di sensibilizzare, informare, educare e tutelare sia i bambini che i ragazzi sul tema della Prevenzione e della Educazione alla Salute al fine di rendere più preparati gli adulti del domani.
Il progetto Natura che Cura è una lezione di Educazione alla Salute, si parla di benessere e cura attraverso uno strumento multimediale fondato sull’approccio educativo Open-Mind, che coinvolge in maniera efficace i bambini, i ragazzi, i genitori e gli insegnanti lasciando lo spazio per mettere alla prova le proprie idee. Le fasi di apprendimento si basano sull’interiorizzazione dei contenuti e agiscono sullo sviluppo di Life Skills Education (tecniche privilegiate per la promozione dell’Educazione alla Salute nelle scuole) individuali mediante il lavoro cooperativo, la discussione di gruppo e l’autoverifica al fine di incrementare la motivazione a prendersi cura di se stessi e soprattutto anche degli altri.

Natura che Cura: il medico racconta – Dr.ssa Tiziana La Rocca

La lezione si è svolta nel teatro della bellissima Scuola Primaria ISTITUTO DON BALDO circondata dal verde, con tantissimi bambini e con le loro insegnanti disponibili e gentilissime. Come sempre è stato molto divertente coinvolgere i bambini e le insegnanti offrendo loro spunti di riflessione sia sulle scelte quotidiane alimentari che sui metodi di cura naturali.
Il momento più esilarante è stato fare il test alle insegnanti riguardo l’orologio biologico della salute nutrizionale: sei insegnanti su sei bocciate ironicamente! Il tema è stato meditare sull’essenzialità di una corretta e sana alimentazione che deve essere specifica per ciascuno e che tenga conto del cosa/quando/perché/come/dove mangiamo per mantenere il giusto equilibrio necessario per la vita quotidiana.
Le continue riflessioni fatte dai bambini durante tutta la lezione e il quiz finale svolto brillantemente con votazione di 10 su 10 mi conferma con gioia che il processo di apprendimento è efficace, personalizzato ed immediato.
Il mio approccio comunicativo ed empatico che adotto nelle mie lezioni intende favorire la sinergia e lo spirito di collaborazione con le insegnanti con l’obiettivo di sviluppare la capacità di pensiero critico nei bambini essenziale negli anni dell’educazione primaria e di stimolare l’alleanza educativa tra la scuola e la famiglia.

Natura che Cura: il medico racconta – Dr.ssa Tiziana La Rocca

Il generare una maggiore consapevolezza delle risorse della natura e l’incoraggiare l’adozione di uno stile di vita corretto e salutare ha stimolato nei bambini riflessioni scritte e disegni: “Relazione sul Tema NATURA CHE CURA“; ringrazio la gentilissima maestra Daniela di avermi inviato alcuni disegni e riflessioni create dai bambini sui temi sviluppati durante la lezione e inseriti nel mio articolo.
Gli altri disegni dei bambini sono stati inviati direttamente all’Associazione A.M.I.O.T. e saranno sottoposti ad una giuria di esperti che esaminerà le centinaia di disegni pervenuti dalle scuole partecipanti; i disegni più rappresentativi saranno raccolti nel calendario per l’anno 2020 che verrà donato a tutte le scuole coinvolte nel progetto Natura che Cura.
Sempre esperienza con i bambini e per i bambini emozionante gioiosa e da rifare sempre insieme alla mascotte del blog!
A cura della dr.ssa Tiziana La Rocca, medico chirurgo, omeopata, omotossicologo, esperto in dietologia della MTC metodo TCM-CAO/CAD e bionutrizione. Docente Educatore del progetto “Natura che Cura: il medico racconta” … una riflessione sui metodi di cura naturali, prevenzione e qualità della vita.

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in NATURA CHE CURA

Natura che cura: il medico racconta novembre-2018

Tiziana La Rocca

A cura della dr.ssa Tiziana La Rocca, medico chirurgo, omeopata, omotossicologo, esperto in dietologia della MTC metodo TCM-CAO/CAD e bionutrizione. Docente progetto “Natura che Cura: il medico racconta” … una riflessione sui metodi di cura naturali, prevenzione e qualità della vita.

Oggi, 19 novembre 2018, 150 bambini mi aspettavano per una lezione di Educazione alla Salute c/o la scuola elementare S.Giovanni Battista De La Salle di Roma.

Natura che Cura: il medico racconta – Dr.ssa Tiziana La Rocca

Gli argomenti che ho affrontato in maniera comprensibile sono stati: le buone abitudini quotidiane come l’alimentazione sana, l’attività motoria ed il contatto con la natura; il valore nutritivo e terapeutico della natura; l’importanza di come poter salvaguardare l’ambiente in cui viviamo.
Il progetto Natura che Cura è pensato per sensibilizzare ed informare sul tema della prevenzione naturale i bambini ed i ragazzi al fine di rendere più preparati gli adulti del domani.
Sensibilizzare oggi le giovani generazioni ai corretti stili di vita e ad una sana alimentazione al fine di favorire la consapevolezza di conoscenze e competenze che possano condurre alla prevenzione naturale e quindi al benessere.

“Natura che Cura: il medico racconta” dr. ssa Tiziana La Rocca per comunicare, informare ed educare i bambini alla prevenzione … esperienza con i bambini, per i bambini e tra i bambini gioiosa emozionante e da rifare sempre insieme alla mascotte del BLOG!

Entusiasmo, interesse e consapevolezza sulle risorse che la Natura offre, sull’uso responsabile dei farmaci e sulla necessità di affidarsi sempre al medico!
Oggi erano davvero tantissimi… 150 bambini attenti e desiderosi di imparare.
I più piccini di 3° elementare facevano tantissime domande e confesso che mi hanno emozionato.
Ringrazio per la splendida organizzazione la maestra Anna Rita Tucci.
Esperienza con i bambini, per i bambini e tra i bambini gioiosa emozionante e da rifare sempre insieme alla mascotte del BLOG!

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in NATURA CHE CURA

INTERVISTA DR.SSA TIZIANA LA ROCCA PER RADIO ROMA CAPITALE – DICEMBRE 2018

Il tema dell’intervista c/o Radio Roma Capitale è stato di sensibilizzare ed informare sul tema della prevenzione naturale attraverso corretti e sani stili di vita e sulla Medicina Omeopatica Omotossicologica, “Medicina dei Bassi Dosaggi” che nasce dalla tradizione ma appartiene già al futuro moderno, con basi di sperimentazione scientifica trovando un punto d’incontro con la Medicina Accademica. Una riflessione sulla prevenzione naturale e sull’importanza del riappropriarsi della grandezza della natura fonte inesauribile di risorse in grado di offrire rimedi per la salute sia con il saper abbinare tra loro gli alimenti che con l’utilizzo di farmaci naturali/biologici efficaci…. sottolineando che l’Omeopatia e l’Omotossicologia sono atti medici.

Il Medico Omeopata Omotossicologo ha la competenza:

  • di fare diagnosi;
  • di prescrivere farmaci omeopatici unitari a bassa media alta diluizione e farmaci omeopatici complessi che possono derivare dall’Omeopatia Classica e da acquisizioni farmacologiche più recenti che rappresentano l’attualizzazione omeopatica dell’Immunologia e della Biochimica;
  • di ristabilire l’equilibrio psico fisico incrementando la risposta immunitaria specifica dell’organismo facendo anche ricorso alla medicina accademica e alla collaborazione con altri specialisti.

Inoltre il Medico Esperto in Dietologia della M.T.C. e Bionutrizione ha la competenza di impostare un programma nutrizionale personalizzato e dinamico che stimola la capacità di autoguarigione dell’organismo attraverso una strategia di prevenzione e di cura.

Video intervista Dr.ssa Tiziana La Rocca per Radio Roma Capitale

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in GALLERIA

INTERVISTA PER LA RIVISTA “VIVERE LIGHT” – SETTEMBRE 2018

Con immenso piacere ho ricevuto l’invito a scrivere l’articolo/intervista “Omotossicologia, cos’è?” per la rivista mensile Vivere Light.

Intervista Dr.ssa Tiziana La Rocca per il mensile Vivere Light

Ringrazio per l’invito Roberta Mastruzzi giornalista della redazione Vivere Light periodico mensile distribuito in edicola, dedicato alla salute alla nutrizione e al benessere.
L’articolo “Omotossicologia, cos’è?”, pubblicato su Vivere Light anno XII N. 118 settembre 2018 – definisce l’Omotossicologia come uno stimolo alla capacità di autoguarigione.
Un’opportunità per dare informazioni corrette trasparenti ed essenziali al fine di comprendere meglio la medicina omeopatica e le sue applicazioni sottolineando che soltanto il medico dopo corretta diagnosi può prescrivere i farmaci omeopatici omotossicologici.

“L’Omotossicologia considera la malattia come un’espressione biologica di lotta che l’organismo naturalmente mette in atto per compensare i danni delle tossine ed interviene pertanto sul ripristino del fisiologico metabolismo cellulare e dell’equilibrio psico-fisico. L’obiettivo è quello di riequilibrare e stimolare la capacità di auto-guarigione dell’organismo, attraverso il ripristino della propria risposta immunitaria specifica.
L’Omotossicologia nasce dalla tradizione ma appartiene già al futuro moderno, con basi di sperimentazione scientifica, trovando un punto d’incontro con la Medicina Accademica.”

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in GALLERIA

INTERVISTA PER “A.M.I.O.T.” – OTTOBRE 2016

Condivido volentieri con voi la mia video-intervista richiestami da A.M.I.O.T. (Associazione Medica Italiana di Omotossicologia) e pubblicata nel canale Medibio (Accademia di Medicina Biologica) You Tube, relativa alla “Giornata Internazionale Medicina Omeopatica 2016”, cui ho partecipato. Il breve appello di un medico ai suoi colleghi: per informare nuovi pazienti sull’efficacia delle medicine complementari, è necessario riscoprire il potere dell’empatia.

Video intervista Dr.ssa Tiziana La Rocca per A.M.I.O.T.

Posted by Dr.ssa Tiziana La Rocca in GALLERIA